2 commenti su “Connect the dots
  1. Massimo Santi scrive:

    La scuola italiana tecnologicamente è a livello di terzo mondo (possibile che brillanti laureati in ingegneria non sappiano nemmeno usare un foglio di calcolo?).
    Ma proprio come i Paesi del terzo mondo, l’Italia può (e deve) saltare le tappe.
    Quindi ben vengano ebook e altro. Se poi queste tecnologie hanno ancora dei problemi, chi meglio di chi le sperimenta può risolverli e crearsi un lavoro e un mercato?

  2. Profumo è un tecnico pragmatico e, paradossalmente, è più utopoista di un politico: con tutti i problemi di carattere economico, dal costo del tablet ali contraccolpi sull’industria editoriale, basterebbe una buona sperimentazione su un buon campione di istituti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

L'autore del blog

Massimo Mantellini L'autore di Manteblog scrive su Telecom Italia

Massimo Mantellini è uno dei più noti commentatori della rete italiana. Blogger, editorialista per Punto Informatico, L'Espresso e IlSole24ore, si occupa da oltre un decennio dei temi legati al diritto all'accesso, alla cultura informatica e alla politica delle reti.

Articoli recenti

Commenti recenti

  • paolo ha scritto:

    La mia compagna ha 64 anni e rimanendo riluttante verso le nuove tecnologie mi faceva sempre scriver...

    Su Internet da anziani: un confronto il 10 aprile alle ore 8:14
  • massimo mantellini ha scritto:

    Grazie a te anna maria, mi fa molto piacere

    Su Internet da anziani: un confronto il 2 aprile alle ore 8:10
  • Anna Maria ha scritto:

    Dopo aver letto il tuo "la vista da qui" (ottimo libro!) mi sento più motivata a proseguire verso i...

    Su Internet da anziani: un confronto il 22 marzo alle ore 7:33