2 commenti su “Connect the dots
  1. Massimo Santi scrive:

    La scuola italiana tecnologicamente è a livello di terzo mondo (possibile che brillanti laureati in ingegneria non sappiano nemmeno usare un foglio di calcolo?).
    Ma proprio come i Paesi del terzo mondo, l’Italia può (e deve) saltare le tappe.
    Quindi ben vengano ebook e altro. Se poi queste tecnologie hanno ancora dei problemi, chi meglio di chi le sperimenta può risolverli e crearsi un lavoro e un mercato?

  2. Profumo è un tecnico pragmatico e, paradossalmente, è più utopoista di un politico: con tutti i problemi di carattere economico, dal costo del tablet ali contraccolpi sull’industria editoriale, basterebbe una buona sperimentazione su un buon campione di istituti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

L'autore del blog

Massimo Mantellini L'autore di Manteblog scrive su Telecom Italia

Massimo Mantellini è uno dei più noti commentatori della rete italiana. Blogger, editorialista per Punto Informatico, L'Espresso e IlSole24ore, si occupa da oltre un decennio dei temi legati al diritto all'accesso, alla cultura informatica e alla politica delle reti.

Articoli recenti

Commenti recenti

  • Vicky ha scritto:

    Every weekend i used to pay a quick visit this website, because i want enjoyment, for the reason th...

    Su SMS sì, linee fisse NO il 19 ottobre alle ore 19:52
  • wine ha scritto:

    Great post. I used to be checking continuously this weblog and I'm inspired! Very useful informatio...

    Su Rinascimento digitale italiano? il 18 ottobre alle ore 3:18
  • Nemo ha scritto:

    La differenza è che a un messaggio in Twitter non puoi piú rispondere dopo una settimana, perché ...

    Su La fine dell'email? il 21 giugno alle ore 9:56